ANTONIO CANOVA DI TREVISO

L’Aeroporto Antonio Canova di Treviso si è iscritto per la prima volta a questo programma con il livello 1 (Mapping) ma ha ottenuto poi un upgrade ed adesso continua a mantenere il livello 2 (Reduction).

A diversi requisiti deve rispondere un aeroporto che concorre per il livello 2; innanzitutto è necessario pubblicare una Politica Ambientale aziendale ed oltre alla redazione di un opportuno Carbon Footprint è necessario dimostrare un continuo miglioramento rispetto ad un anno base prescelto (nel nostro caso è il 2012).

Diverse attività e processi sono stati analizzati. Determinati i confini del sistema, sono stati raccolti i dati dei consumi relativi alle diverse attività energivore presenti nel sedime aeroportuale e questi moltiplicati per un proprio fattore di emissione che trasforma i consumi in quantità di CO2 emessa.

Un aeroporto deve decidere quale unità di misura considerare e la scelta verrà effettuata tra: .

  • Unità assoluta: livello di emissioni fisso per anno espresso in tonnellate di CO2;
  • Unità relativa: espressa come emissioni per unità di attività.

La nostra scelta è ricaduta su un’unità relativa e più precisamente si utilizzano i kgCO2/passeggero.

A giugno 2014 i requisiti per la partecipazione ad Airport Carbon Accreditation sono stati verificati con visite e sopralluoghi sul campo dalla società di certificazione svizzera SGS che ha attestato i progressi compiuti dall'Antonio Canova di Treviso in termini di controllo e riduzione delle emissioni di gas con effetto serra.

Infine dal 29 agosto 2014 l’aeroporto Antonio Canova di Treviso ottiene l’upgrade ed entra a far parte del livello 2 (Reduction) e continua a mantenere tale livello. L'ente certificatore effettua la visita di sorveglianza ed emette il relativo certificato ogni 2 anni.

Certificato Airport Carbon Accreditation Reduction

Prima di ottenere l’upgrade per qualche mese l’aeroporto era in possesso della certificazione al livello 1 (Mapping). A gennaio 2014 i requisiti erano stati verificati ancora dalla società svizzera SGS ed il 28 febbraio 2014 ottenne la certificazione.​

Di seguito l'elenco dei vari certificati ottenuti negli anni precendenti

Il programma, obbligatoriamente da maggio 2016, ha adottato la Guida GHG Protocol sullo Scope 2 in base al quale ci sono due metodologie di calcolo per le emissioni: il location method ed il market method. Il primo approccio riflette le emissioni medie di energia elettrica del paese o regione in cui l'aeroporto si trova e utilizza un fattore medio di emissione specifico della rete elettrica. L'approccio basato sul mercato riflette le emissioni provenienti da fonti e prodotti di energia elettrica che sono stati volutamente scelti e consente l'utilizzo di un fattore di emissione che è direttamente associato al tipo di energia elettrica acquistata.

Solo per i livelli 3 e 3+ vi è la possibilità di scegliere che metodologia perseguire, mentre per gli altri livelli non  vi è la stessa facoltà ma si è obbligati a redigere lo stesso le due impronte di anidride carbonica con i due metodi.

Di seguito è riportato uno specchietto riassuntivo dei dati estrapolati per quanto riguarda l'Antonio Canova:

Portando ad una variazione rispetto all’anno base del -25,09%.